Mazara del Vallo

 

LA STORIA

Mazara del Vallo (Mazzara in siciliano) è un comune italiano di 51.350 abitanti della provincia di Trapani, affacciato sul Mar Mediterraneo, alla foce del fiume Màzaro e distante meno di 200 km dalle coste tunisine del Nord Africa.

 Il vecchio "centro storico", un tempo racchiuso dentro le mura normanne, include numerose chiese monumentali, alcune risalenti all'XI secolo, è un quartiere a impianto urbanistico islamico tipico delle "medine", chiamato Casbah, di cui le viuzze strette sono una sorta di marchio di fabbrica.

Le attività economiche che lo contraddistinguono principalmente sono il turismo, la pesca, l'agricoltura e l'industria cantieristica e alimentare, in particolare quella del pesce.

Mazara del Vallo è uno dei più importanti e noti porti pescherecci italiani, base di armamento di una flotta di circa 400 grandi motopescherecci d'altura (con circa 4.000 pescatori imbarcati), che rientrano ogni 50-60 giorni.

A Mazara risiedono, spesso con le famiglie, circa 3.000 immigrati, provenienti in larga parte dal Maghreb, impiegati da oltre 25 anni nelle attività pescherecce, agricole e artigianali della città.

Essi risiedono principalmente nel centro storico cittadino di matrice araba.

Mazara è altresì salita alla ribalta delle cronache nel marzo 1998, quando un peschereccio locale, comandato dal capitano Francesco Adragna, ha recuperato, a circa 480 metri di profondità nelle acque dello Canale di Sicilia, una scultura bronzea di oltre 2 metri, risalente al periodo ellenistico, conosciuta con il nome di Satiro danzante.

La statua, dopo essere stata restaurata ed essere stata per un breve periodo in mostra a Roma, presso Montecitorio, dopo essere tornata a Mazara del Vallo, è ripartita per essere esposta all'Expo 2005 ad Aichi, in Giappone, presso il Padiglione Italia, dal 25 marzo 2005 al 25 settembre 2005.

Dalla metà di ottobre 2005 il Satiro danzante è nuovamente esposto a Mazara nell'omonimo museo in Piazza Plebiscito.

Nel giugno 2010 Mazara del Vallo è stata riconosciuta dall'Assessorato regionale alle Attività Produttiva, “Comune ad economia prevalentemente turistica e città d’arte”.

Terminale dell'autostrada A/29.

Distanze:  Da Palermo, in autostrada Km. 115; da Punta Raisi  (aeroporto  Falcone Borsellino)  Km. 70; da Trapani Km. 52; da Segesta Km. 60; da Erice Km. 59; da Selinunte Km. 18; da  Agrigento  Km. 150,  Collegata  con  pullman  con  Palermo (dieci corse giornaliere), Trapani e Agrigento.

Lo  scultore  Pietro  Consagra, mazarese,  con studio a Milano, annovera le sue sculture nei maggiori musei e piazze del mondo.

I pittori, La Barbera e Giuseppe Modica, mazaresi, con studi a Roma, sono giudicati dalla critica, artisti di fama europea.

Nel più vasto e conservato centro storico siciliano, Mazara, rivela la sua struttura araba-normanna, nonostante il progresso dei secoli.

La città ha così la fortuna di conservare il luogo di origine della propria cultura.

Quartieri  costruiti nell'ultima metà  del  XX secolo: Trasmazzaro, Mazara Due, Affacciata, Viale Africa, All'Affacciata,  sorgono, moderni e funzionali edifici scolastici:  Istituto Industriale Statale (P.zza Pertini), Istituto Commerciale (viale Padre Pio), Istituto Regionale d'Arte  con Museo  (via G. Morello).  E'  così designata la Mazara per il 2000.

Qui, si espande il polo sportivo di rilievo mediterraneo, con il Palasport, Stadio con campo in erba e pista di atletica, Impianto olimpionico per tiro a volo.

Spiagge  libere  ed attrezzate. Ad Ovest:  Tonnarella, sabbia bianca e finissima, la più frequentata, la stessa si prolunga per cinque chilometri, a fianco della litoranea Fata Morgana ed arriva a Capo Feto. Annovera stabilimenti balneari e strutture di ricettività turistico-estiva. Ad  Est:  litorale  roccioso  che  raggiunge  Torretta­Granitola (antico borgo marinaro).

Mazara del Vallo, sede Vescovile, dall'anno di nascita 1093,  fino  ad  oggi,  ha  avuto  78  Vescovi,  di  cui  due Cardinali, il famoso mecenate intellettuale Bessarione e il genovese Spinola.

Capitaneria di Porto   (porto   nuovo);   Compagnia di Carabinieri  (via C. A.  Dalla Chiesa);  Tenenza di Finanza (via  Pacinotti);  Commissariato  di  Stato  (via  Toniolo); Sezione Distaccata del Tribunale  (via Toniolo); Giudice di Pace (via F. Crispi); Vigili del Fuoco (via Val di Noto); A.U.S.L. n. 9 Ospedale Abele Ajello - Guardia Medica (Via Salemi), Guardia Medica estiva a Tonnareiia (Via del Mare).

La zona industriale e artigianale, Si situa nell'area della circonvallazione.

Mazara, nome indigeno che significa "Castello",  in Arabo "Porto"; città già esistente in età preellenica, si affaccia sullo Stretto di Sicilia, nello stesso sito in cui i Cartaginesi nel 409 a.C. l'occuparono, essendo presidio marittimo di Selinunte.

Grazie  alla  sua  posizione  geografica  acquistò importanza, sia come emporio commerciale che come fortezza. Ebbe una certa fioritura durante i Romani e di questo periodo vi sono alcune vestigia (sarcofaghi in Cattedrale e mosaici di villa romana sotto S. Nicola Regale e tracciato della città vecchia improntato al "castrum" romano).

Grande splendore raggiunse nel corso della dominazione musulmana.

Gli Arabi sbarcarono per la prima volta in Sicilia, a Mazara del Vallo, il 16 giugno 827.

Divenne capitale del vasto territorio amministrativo denominato Val Di Mazara. Gli altri due distretti della Sicilia araba, Val Di Noto e Val Demone.

Scrittori Arabi e medievali che la visitarono, la magnificarono e la decantarono come la città siciliana pari a Palermo, per la bellezza degli edifici, la prosperità economica e portuale e la floridezza dei giardini.

Tutto questo è rimasto indelebile nei costumi, nei nomi e soprattutto nell'assetto urbano, in quanto si e tramandato inalterato il tracciato urbano e viario (kasbah), con il suo dedalo di vicoli, archi e cortiletti di carattere ancora arabo.

Nel  1072,  passata ai Normanni,  Mazara del Vallo, divenne Città Regia e si arricchì di chiese, conventi e monasteri.

La Cattedrale sorse al posto della Moschea grande.

Fu dotata di un castello in riva al mare e di mura possenti.

Con i Normanni, nel 1093, divenne sede di Vescovado. Dotato di feudi e di saline dal Conte Ruggero. Il Vescovado ebbe giurisdizione anche su Tunisi. Nel 1097 Mazara ospitò il primo Parlamento di Sicilia.

Del periodo Normanno rimangono numerose testimonianze fra cui la chiesa di S. Nicolò Regale  (Niculicchia), edificata nel 1124 a pianta quadrata, con tre absidi. La chiesa della Madonna dell'Alto e i resti del Castello.

Altri monumenti sono di epoca successiva, la cattedrale barocca, ricostruita nel '600 sulla quella vecchia normanna eretta dal Conte Ruggero.

Nel suo interno oltre ai sarcofagi romani si ammirano opere d'arte del '500 e del '600, tra le quali le tele del Novelli  e  del  Velasquez,  lo  stupendo  gruppo marmoreo statuario della trasfigurazione del Gagini, un S. Vincenzo e una Madonna del Laurana,  il Salvatore del Bagnaco con Cristo in croce, medievale.

Nei recenti restauri della Cattedrale sono emerse tracce  in oro  della volta normanna,  distrutta da un incendio.

Il Museo Diocesano (via dell'Orologio) custodisce opere in argento, in corallo e antichi paramenti sacri.

Chiese che all'interno custodiscono notevoli e pregevoli opere d'arte sono: San Michele, fondata da Giorgio di Antiochia,  ammiraglio di re Ruggero di Altavilla e rifatta nel '600 in forme barocche con decorazioni in stucco di Giacomo Serpotta con il Convento delle suore Benedettine.

All'interno della chiesa una statua in argento di S. Michele e una tela di Tommaso Sciacca, pittore famoso nel Veneto.

Nel convento Benedettino il Crocifisso bronzeo del '600 e la Madonna del Gagini.

Il barocco esplode a Santa Veneranda e San Francesco.

Nella volta della chiesa di S. Francesco si ammira, il più policromo e sfrenato esempio di barocco siciliano.

La  chiesa  di  Santa  Caterina  edificata  nel  1318  e restaurata  in  stile  barocco nel  secolo XVII presenta un portale ad arco.

L'ex chiesa di S. Egidio costruita nel 1424, con cupola in stile arabo-normanno, poggiante su un tamburo ottagonale, sede delle sedute di Consiglio Comunale.

Quasi certamente diventerà sede museale per ospitare il Satiro, stupenda  statua  greca,  pescata  nel  mare  dello stretto di Sicilia, ove dormiva da millenni.

Il Collegio dei Gesuiti (Centro Polivalente di Cultura)

Ha la biblioteca con 50 mila volumi ed il famoso "Libro Rosso. Vi sono reperti marini esposti; collezioni di anfore fenicie, puniche e romane, ed opere di Pietro Consagra.

Porto - canale

Immagine autentica e fascinosa, che orienta  la meta del turismo colto con la città reale e marinara e con il cuore portuale della vecchia Mazara.

Zone archeologiche

Insediamenti  di  età paleolitica  (tombe a pozzetto e  a grotticella in contrada Roccazzo), dove c'è anche una grotta di un mago in Contrada Gattolo e Costa di Piraino resti di una villa romana dell'età imperiale,

Riserve naturali e parchi

I Gorghi Tondi e il Lago Preola affidati al WWF.

La riserva di Capo Feto, voluta dalla LI.PU. e dall'U.e, avviata dal Comune e dalla Provincia con il progetto "LIFE".

A Capo Feto, arriva  il  metanodotto  transmediterraneo (Trasmed) che porta in Italia il gas naturale (metano) dal deserto algerino, a Mazara del Vallo. Da qui parte, la rete metanifera  nazionale  che  attraversa  tutta  la  Penisola, fornendo gas metano a regioni, città e paesi,  fino in Romagna, a Minervio.

Bagli

caratteristici e ampi agglomerati di case rurali antichi, sparsi nelle campagne verso Costiera e Salemi.

Impianti sportivi

Vecchio stadio municipale per il calcio "N. Vaccara", Stadio "Affacciata"   con campo  in manto erboso per il calcio e pista  di  atletica,  campo  di  tennis.  Palasport. Impianto Olimpionico per il tiro a volo.

Feste religiose e manifestazioni

Festa di San Vito; Santo patrono, nativo di Mazara, con la processione a quadri viventi e l'imbarco in mare  (ultima settimana di agosto).

Negli anni Ottanta, alla solenne processione partecipavano molti  Sindaci con i gonfaloni, delle 160 città e paesi, che hanno S. Vito, come patrono.

A  Ferragosto,  "Notte  dei  mille  falò"  sulla  spiaggia di Tonnarella.

Estate Mazarese (Luglio - Settembre) con spettacoli musicali, teatrali e culturali. Processione della Madonna del Paradiso (Luglio). Incontri dei Popoli del Mediterraneo (biennale).

Organizzazioni turistiche

Azienda Provinciale del Turismo (P.zza S. Veneranda - tel. 0923/941727).

Pro Loco - P.zza Mokarta, Alberghi e camping (Bocca Arena).

Prodotti agricoli

Vini, pasta, ortaggi, olio, agrumi, fiori. Famoso punto degustazione di vini in Corso Umberto.

Prodotti ittici

Pesce fresco e conservato, tonno rosso, merluzzi, sarde, gamberi, sogliole, orate, dentici, aragoste, cozze.

Gastronomia e divertimento

Numerosi ristoranti, trattorie, pizzerie, pub e dancing. Sapori del mare (pesce bianco pregiato e crostacei) e della pianura  (pane,  pasta,  olio e vino),  sono i piatti della tradizione.


                                       IL SATIRO DANZANTE

 


 
 

Automotive Italia - Rent a Car
AUTOMOTIVE ITALIA Rent a car Ŕ il partner ideale per la tua mobilitÓ nel periodo di permanenza in Sicilia. Sede a Trapani e postazioni operative presso tutti gli aeroporti e i porti della Sicilia Occidentale. Condizioni dedicate ed esclusive specificando il codice "kitesurfmazara" in sede di prenotazione. Per info costi e disponibilitÓ contatta Mail:booking@automotiveitalia.com Tel:+39 09231870211
Corso per Istruttore IKO di I Livello
Quest'anno in Sicilia solo 2 date per il Corso Istruttore IKO di I Livello. 14-19 luglio e 6-11 ottobre. N░8 posti disponibili per corso. Per prenotazioni o info: +39 3663279912 - info@kitesurfmazara.it
Il Pane - Panificio
Sito a Mazara in via Amalfi, davanti al ponte trasmazzaro, il panificio di proprietÓ del nostro kiter Michele, vi farÓ trovare ogni giorno tantissime prelibatezze tipiche della nostra terra... Pizza, Pani Cunzatu, Biscotti e molto altro ancora... il tutto a prezzi imbattibili. Tappa ideale per fare scorta prima di recarsi sugli spot...
Kitesurf Mazara IKO Center
Dall'1 febbraio 2014 Kitesurf Mazara diventa IKO Center. Scuola internazionale gestita da istruttori internazionali. Sul sito www.ikointl.com, cercando la nostra scuola, potrai visionare la pagina personale contentente le info sullo spot, i servizi offerti, i corsi e la composizione dello staff. info@kitesurfmazara.it
Lupi Volanti - Cervinia
Se vuoi praticare lo Snowboard in un posto fantastico ed in compagnia di "gente tosta", contatta i Lupi Volanti Snowboard Club... passerai fantastiche giornate di sport e... divertimento assicurato. www.lupivolanti.com
MaxOptical Mazara del Vallo
L'ottica MaxOptical di Mazara del Vallo, nostro partner commerciale, riserva tantissime offerte speciali per gli associati di kitesurfmazara. Per ogni Oakley acquistato avrai diritto ad una lezione prova di kitesurf gratuita.
Kitesurf Mazara Residence
Alloggi per surfisti e non. Per foto e info consultate la sezione "Alberghi e B&B" del nostro sito.
 
slingshotsports
Mystic

maxoptical
avis



Kitesurf Mazara diventa IKO Center... vai sul sito www.ikointl.com, cerca la nostra scuola, guarda la nostra pagina e lasciaci un "mi piace"...

Kitesurf Mazara all'ingresso di Cervinia (foto del giorno)... grazie ai Lupi Volanti www.lupivolanti.com

Tesseramenti FIV - KITESURFMAZARA 2014... assicurazione infortuni e copertura RC (danni a cose o persone). Per tesserarti con noi contattaci... info@kitesurfmazara.it

Da oggi Kitesurf Mazara Ŕ gemellata con l'associazione Lupi Volanti di Cervinia... Vai alla voce "siti gemellati" e conoscerai i nostri nuovi amici!

PROMO: Acquistato un OAKLEY presso i punti vendita MaxOptical 1 lezione di kitesurf OMAGGIO!!!

Da oggi la NUOVA e-mail dell'associazione Ŕ info@kitesurfmazara.it

Cerca Kitesurf Mazara su facebook... Per news su materiali, spot ed iniziative aggiungici tre i tuoi amici!!!

 
 
 
WINDGURU
WINDFINDER
WeatherOnLine
Meteo.it - WW3



KiteSurf Mazara © 2017 All rights reserved - CF: 91028680816
Powered by:
Lab360 - Realizzazione siti web e gis - ecommerce  palermo e mazara del vallo